S.I.P.P | Riconoscimento MIUR ai sensi della legge n. 56 del 18.2.1989
 

La mente del corpo il corpo della mente. Il contributo della psicoterapia psicoanalitica

Categoria
Sezione Lazio-Umbria-Abruzzo
Data
2022-06-08 00:00
Luogo
Zoom
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
File Allegato

Il Ciclo di Seminari, declinato in cinque incontri, fa parte di un progetto più esteso che ha lo scopo di ripercorrere l’evoluzione del complesso e controverso concetto di rapporto mente-corpo che ha interessato la psicoanalisi fin dalle origini ed è attualmente al centro di un fecondo dibattito.

Il progetto proposto, che non può essere esaustivo, vista l’impossibilità di approfondire tutti i numerosi contributi teorici e clinici sviluppati  in ambito nazionale e internazionale, è il frutto di una sintesi che ha fatto seguito ad un  vivace e lungo dibattito avvenuto tra i Soci della SIPP della Sezione Lazio Umbria Abruzzo.

Nei Cinque Seminari che compongono questo Primo Ciclo si parte da un approfondimento del concetto mente-corpo (I SEMINARIO) per poi analizzare il pensiero di Freud (II SEMINARIO), di Ferenczi e Groddeck (III SEMINARIO), di Bion (IV SEMINARIO) e  di Winnicott (V SEMINARIO), attraverso un dialogo tra i relatori in cui gli aspetti teorici possano trovare riscontro nella clinica.

Il ruolo del corpo fu inizialmente sottolineato da Freud come luogo dell’espressione della patologia psichica: le “neuropsicosi da difesa”, in seguito concettualizzate come “psiconevrosi”, sono caratterizzate dal meccanismo psichico della “conversione” somatica, espressione simbolica di un conflitto psichico inconscio. In seguito, con lo sviluppo della seconda topica, il ruolo del corpo assume un’ulteriore importanza in quanto fondamentale per la costruzione dell’Io che “può dunque venire considerato come una proiezione psichica del corpo” (Freud 1928).

Sulla scia del pensiero freudiano si colloca Groddeck, medico internista e «analista selvaggio», che si appassiona alla psicoanalisi e la utilizza come strumento terapeutico per la cura delle malattie organiche.

Sándor Ferenczi, tra gli allievi più brillanti del Maestro e in contatto con Groddeck, fu tra i primi ad intuire che le idee inconsce potessero essere responsabili di un processo trasformativo a livello fisiologico arrivando a parlare di memoria corporea. 

Bion, rimanendo vicino al pensiero sia freudiano che kleiniano, secondo il quale le manifestazioni corporee possono essere considerate propulsori del funzionamento mentale, si dedicò allo studio di come lo sviluppo del pensiero fosse strettamente legato all’espressione dei livelli sensoriali e alla possibilità di favorire un processo di apprendimento dell’esperienza emotiva.

Infine per Winnicott l’unità mente corpo fu considerata lo scopo dell’evoluzione psichica in quanto può  permettere lo sviluppo del vero Sé attraverso l’ «holding» materno.

L’evento è finalizzato a favorire l’acquisizione di specifiche competenze teorico-cliniche e di tecnica della Psicoterapia Psicoanalitica nell’ambito della relazione mente-corpo che può essere considerata alla base dell’esperienza umana e che assume estrema importanza nella comprensione e nel trattamento delle patologie gravi.

 
 

Altre date

  • 2022-04-06 00:00
  • 2022-05-04 00:00
  • 2022-06-08 00:00
  • 2022-10-05 00:00
  • 2022-11-09 00:00

S.I.P.P.

Il sito internet sippnet.it, della Società Italiana di Psicoterapia Psicoanalitica rispetta le linee guida nazionali della FNOMCeO in materia di pubblicità sanitaria, secondo gli artt. 55-56-57 del Codice di Deontologia Medica.
Roma, Via Po 102
06 85358650
sipp@mclink.it

Newsletter

Nome
*Campo obbligatorio

Email(*)
*Campo obbligatorio

(*)
campo obbligatorio

(*)
campo obbligatorio

Il sito sippnet.com utilizza cookies per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Chiudendo questo banner si acconsente all’uso dei cookies.